L'Unione europea uniforma le patenti di guida: da domani tutte quelle nuove saranno in formato "carta di credito" e garantiranno una maggiore protezione della sicurezza attraverso foto e informazioni standard. L'obiettivo di Bruxelles e' che questa nuova patente sostituisca progressivamente gli oltre 100 diversi modelli, in plastica e cartacei, utilizzati attualmente da oltre 300 milioni di conducenti in tutta l'Unione.

Le patenti in circolazione non saranno interessate dalla nuova normativa ma saranno sostituite con una patente di nuovo formato al momento del rinnovo o, comunque, entro il 2033. I diversi Stati potranno scegliere di raffigurare simboli nazionali sulla patente, e continueranno a stabilire le regole su scadenze e rinnovi (per guidare l'auto o la moto, ogni 10 o 15 anni a seconda degli Stati) oltre che sui limiti di eta'. Le nuove patenti, ha commentato il Commissario ai trasporti Siim Kallas nella conferenza stampa di presentazione, devono essere "facili da leggere e da capire e molto difficili da falsificare".

Verra' creato un sistema elettronico europeo di scambio di dati per facilitare lo scambio di informazioni tra le amministrazioni nazionali: questo permettera' fra l'altro di semplificare le procedure di gestione delle patenti di guida per le persone che trasferiscono la propria residenza da uno Stato a un altro.

Le nuove norme sulle patenti prevedono ancora un limite di eta' piu' elevato (dagli attuali 21 anni a 24 anni) per l'accesso diretto (mediante prove teoriche e pratiche) alle patenti che consentono di guidare i motocicli piu' potenti. Inoltre, i conducenti devono aver maturato un'esperienza di almeno quattro anni (anziche' due) alla guida di motocicli di potenza inferiore prima di poter acquisire la patente per guidare quelli di potenza superiore.


Ancora, i ciclomotori rappresentano ora una nuova categoria di veicoli e le persone che desiderano ottenere la relativa patente di guida sono tenute a sostenere una prova teorica. Gli Stati membri possono inoltre decidere di introdurre prove di abilita' e comportamento nonche' visite mediche. L'UE ha fissato a 16 anni l'eta' minima raccomandata per il riconoscimento reciproco delle patenti da parte di tutti gli Stati membri (a livello nazionale gli Stati membri possono abbassare a 14 anni tale limite di eta'). Fino ad oggi non esistevano requisiti minimi UE per i ciclomotori.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.