Per volontà di Papa Francesco la Congregazione per il Culto Divino ha accolto la richiesta del vescovo di Patti.

Il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti della Santa Sede, cardinale Robert Sarah, ha elevato il santuario mariano di Tindari alla dignità di Basilica Pontificia Minore.

Si tratta di un particolare titolo che viene concesso ad alcune chiese in possesso di determinati requisiti, tra i quali la grandezza del tempio, il valore artistico, l’intensa spiritualità, e che siano luogo di pellegrinaggio cristiano. Attualmente in Italia le Basiliche Minori sono circa 500. A dare l'annuncio è stato il vescovo di Patti mons. Guglielmo Giombanco al termine del solenne pontificale in occasione della festa della Madonna di Tindari.

L’attuale santuario ingloba all’interno, dietro l’abside, l’antico tempio cinquecentesco. I lavori di costruzione iniziarono l’8 dicembre 1957 con la posa della prima pietra benedetta da Papa Pio XII. Il 6 settembre del 1975 l’allora vescovo di Patti, Giuseppe Pullano, benedisse l’interno del nuovo santuario, che venne poi consacrato dall’arcivescovo di Palermo, cardinale Salvatore Pappalardo.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.