L'esponente del Governo Conte ha elogiato pubblicamente il lavoro svolto dalla dirigente Francesca Buta.

E’ stata davvero una giornata importante per l’Istituto “Borghese-Faranda”. La visita di un ministro, in questo caso del ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, non è una cosa di tutti i giorni. Per questo motivo questa visita assume importanza per tutto il sistema scolastico cittadino e per l’intera nostra comunità pattese. La responsabile del Dicastero di viale Trastevere è stata accolta dalla dirigente scolastica del “Borghese-Faranda” prof.ssa Francesca Buta. “Per noi è un grande onore – ha detto la Buta, poter oggi consegnare al nostro onorevole ministro, al direttore dell’Ufficio Scolastico regionale dott. Suraniti, alla dott.ssa Riccio dell’Ambito territoriale di Messina, le nostre scuole tutte in presenza, tutte ben organizzate”. Prima di illustrare le attività che la scuola ha posto in essere per poter procedere alla ripartenza, la dirigente ha voluto ricordare un’espressione usata dal Premier Conte durante il lockdown: “La società riparte se la scuola riparte”. La dirigente ha poi aggiunto “Ministro le consegniamo la scuola pattese che è ripartita”.

A portare il saluto della città è stato il sindaco Mauro Aquino. Presente anche il prefetto di Messina, Carmela Librizzi, alcuni sindaci del comprensorio, il vescovo Guglielmo Giombanco, i dirigenti scolastici delle scuole cittadine, e le massime autorità militari di Patti e provinciali.

Nel corso del suo intervento la Azzolina ha ricordato i momenti difficili passati da tutto il personale della scuola, dagli insegnanti agli studenti, durante l’emergenza sanitaria, ed ha lanciato un appello agli studenti presenti. “Ragazzi e ragazze, approfittate della scuola. Prendete i vostri insegnanti, spremeteli come limoni, nel senso positivo. Fate si che vi diano tutto quello che vi possono dare, perché i momenti che passerete qui non si ripeteranno più. Ed è oggi che voi dovete costruire il vostro presente, il vostro futuro”.

Nel corso di un incontro con la stampa il ministro ha elogiato il lavoro fatto dalla dirigente dell’Istituto “Borghese-Faranda”. “Le scuole - ha detto, possono ripartire soltanto se c’è collaborazione da parte di tutti quanti, Enti locali, dirigenti, docenti, personale Ata. Questo è un territorio, ed è una scuola – ha proseguito la Azzolina – che questo lavoro lo ha fatto ed ha restituito agli studenti e alle studentesse la Scuola, con la S maiuscola”. Un riconoscimento da parte del massimo esponente del mondo della scuola, che premia il lavoro portato avanti dal "Borghese-Faranda", diventando scuola d'eccellenza del territorio.

Il ministro, prima di recarsi in visita privata a un istituto superiore di Milazzo, ha visitato diverse classi dove si stavano svolgendo regolarmente le lezioni, ed è entrata in alcuni laboratori per vedere da vicino il grado d’innovazione della scuola.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.