ImageUn bancomat da introdurre nei distributori automatici:

e' l' idea nata a Torino ma, al momento, pare non essere di facile attuazione per il mancato via libera da parte dei Monopoli di Stato ... Un bancomat da introdurre nei distributori automatici è la soluzione ideata a Torino per impedire l'acquisto di sigarette da parte di minori di 16 anni.

Nonostante sia in vigore, infatti, in Italia una legge del'34 che vieta la vendita di tabacco ai minori, la sua esplicazione è sempre stata di difficile regolamentazione.

ImageL'escamotage ideato a Torino prevede l'utilizzo di una tessera magnetica (dal bancomat a quella sanitaria) che attesterà la maggiore età dell'acquirente. Adesso manca solo il via libera dei Monopoli di Stato.

La Fit, la Federazione che riunisce i tabaccai, stufa di essere presa di mira ogni volta che si parla di fumatori minorenni, ha finalmente superato i problemi tecnici e ora si appresta a dare un giro di vite nella vendita di sigarette a chi ha meno di 16 anni.

L'ostacolo principale era dovuto al lettore delle tessere magnetiche che era coperto da brevetto. Una volta superato questo, è stato deciso il tipo di lettore da utilizzare su tutti i distributori automatici. Ora l'unica cosa che manca è il benestare dell'amministrazione pubblica. Un via libera che però non sembra poter arrivare in tempi rapidi.

ImageAi Monopoli fanno infatti sapere che l'argomento non è all'ordine del giorno. In una circolare firmata dagli stessi Monopoli nel 2004 si precisava che "in futuro" per acquistare sigarette sarebbe stata necessaria la carta d’identità elettronica. Questo avrebbe permesso ai tabaccai di tenere aperti i distributori 24 ore su 24 (oggi invece sono disponibili solo di notte).

Ecco dunque l'idea di utilizzare un lettore di codice a barre che legga in qualche modo l'età dell'acquirente. Nessun problema di privacy visto che i dati non saranno memorizzati ma servirà solo per poter accedere al distributore. Se poi qualcuno non volesse utilizzare le proprie schede, la Fit sta preparando un suo "bancomat" per il fumo.

Purtroppo, però, l'ipotesi che questo sia solo un palliativo è molto concreta.

I ragazzi potrebbero, infatti, usare di nascosto un documento dei genitori o di qualche amico compiacente.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.