I consiglieri provinciali del collegio di Patti, Salvino Fiore, Roberto Cerreti, Natalino Natoli, Giovanni Princiotta, Saro Sidoti e Luigi Gullo, esprimono grande soddisfazione per l'operato del Consiglio Provinciale e dell'Amministrazione, nel perfezionamento tecnico operato alla proposta deliberativa del bilancio previsionale approvato venerdì scorso, che oltre a prevedere il pagamento delle somme necessarie per l'affitto dei locali del distaccamento dei Vigili del Fuoco e del soccorso pubblico di Patti, somme che allo stato attuale vengono annualmente erogate dal Comune di Patti, consentirà finalmente, con lo stanziamento di circa 700.000 euro determinato dal Consiglio, oltre al completamento del primo lotto dello scorrimento veloce Patti - San Piero Patti - Francavilla, l'opportunità di accedere al finanziamento di 7.000.000 di euro per realizzare anche il secondo lotto, donando al territorio del collegio pattese, quella tanto attesa arteria stradale vitale per un serio e concreto rilancio delle economie dei paesi di Librizzi e San Piero Patti.

''La nostra città – ha detto il consigliere Gullo, proponente l'emendamento al bilancio - ha oggi 60.000 euro, derivanti dal risparmio sui costi di affitto della Caserma dei Vigili del Fuoco, da destinare ad iniziative che promuovano il nostro territorio''.

In Sicilia nella seconda settimana di luglio, complici il caldo intenso e l'umidità, si prevede un forte aumento della temutissima zanzara Tigre (+ 50%).

Il dato è stato reso noto da Meteo Zanzare, sviluppato da Vape Foundation, organizzazione senza fini di lucro che promuove la ricerca scientifica per sostenere la lotta agli insetti nocivi.

Il servizio, completamente gratuito e consultabile sul sito http://www.vapefoundation.org/, informa i cittadini sulla presenza delle zanzare. I dati sono aggiornati ogni settimana e per tutta l'estate basterà selezionare la provincia di interesse per scoprire l'intensità dell'infestazione.

Manca il rinnovo del contratto di categoria e il Governo non rispetta gli impegni assunti per mettere mano alle regole del settore. I sindacati dei gestori proclamano uno sciopero di due giorni che terra' i distributori chiusi per le intere giornate dell'8 e del 9 luglio.

Gli impianti resteranno chiusi sulla rete stradale dalle 19.30 di martedì 7 luglio fino alle ore 07.00 della mattina del 10 luglio. Diversi gli orari per la rete autostradale, con i distributori che chiuderanno alle 22.00 del 7 per riaprire alla stessa ora del 9 luglio. In Sicilia, lo sciopero inizierà con 24 ore di anticipo (ore 19:30 di lunedì 6 luglio) rispetto al resto d'Italia. E' esclusa dallo sciopero la provincia dell'Aquila.

"L'industria petrolifera sta scaricando sulla rete e soprattutto sulla categoria (che è la vera spina dorsale della distribuzione) tutte le contraddizioni e le diseconomie del sistema, facendo concorrenza, sui propri stessi impianti ai propri stessi Gestori", spiegano le tre federazioni, FAIB, FEGICA e FIGISC in una nota congiunta. In questo momento, sottolineano ci sono discriminazioni "tra gestore e gestore sulla propria rete, e si favorisce, con politiche di prezzo drasticamente penalizzanti per migliaia di piccole imprese, le 'pompe bianche' piuttosto che gli ipermercati, in aperta violazione delle vigenti regole della concorrenza e del mercato". Si tratta, proseguono, di "una scelta di abbandono e svalorizzazione degli investimenti fatti sulla rete, che riguarderebbe solo l'industria petrolifera se non fosse che in questo processo le uniche vittime sacrificali sono in primo luogo i Gestori". Allo stesso tempo, prosegue la nota, "non solo gli impegni assunti dal Governo oltre un anno fa per mettere mano alle regole del settore ed alle misure strutturali richieste dalla categoria sono rimasti finora lettera morta, ma, nel frattempo, sono venute meno alcune tutele e sono stati imposti nuovi oneri alle gestioni".

Ci sarà anche una pattese tra i concorrenti del noto quiz musicale televisivo ''Sarabanda''.

Questo pomeriggio alle ore 18:50 su Canale 5 la giovane pattese Rosy De Salvo (nella foto) sarà ospite della nota trasmissione ''Sarabanda'', condotta da Teo Mammuccari e da Belen Rodriguez.

La De Salvo, dopo aver superato tutte le selezioni, è stata chiamata adesso a partecipare alle finali.Rosy De Salvo

Appuntamento quindi davanti alla tv a tifare per la nostra concittadina Rosy De Salvo.

Dopo aver lasciato per tanto tempo una strada provinciale in condizioni davvero pietose finalmente qualcosa è stato fatto.

A pochi chilometri dal centro abitato di Patti, all’altezza di contrada Provenzani, sino a qualche giorno fa non esisteva più l’asfalto, ma ancora peggio gli avvallamenti, i dossi e le buche erano cosi evidenti che transitare con una semplice auto era diventato molto problematico. Bisognava rallentare e procedere a passo d’uomo e nonostante ciò coloro che hanno subito dei danni ai propri mezzi sono stati parecchi. La strada che è percorsa giornalmente da tanti automobilisti, in quanto collega Patti con i centri di Librizzi e San Piero Patti, da qualche tempo a questa parte aveva già dato segnali di cedimento e con il passar dei mesi la situazione era peggiorata tanto da creare una serie di crepe con dei dislivelli di parecchi centimetri.

Sono state anche tante e continue le lamentele di chi transita di frequente su questo tratto di strada, automobilisti che avevano raggiunto il limite della pazienza e che hanno più volte chiesto che si facesse qualcosa, un intervento come è giusto che sia e non il solito lavoro tanto per accomodare.

Finalmente la voce dei cittadini è stata ascoltata da qualcuno, ed in questo caso dal consigliere provinciale Saro Sidoti, il quale, dopo un consulto presso la sede della Provincia, ha organizzato in breve tempo una squadra di operai e mezzi e nell’arco di una giornata è stato effettuato l’intervento di sistemazione consistente, al momento, nel livellamento del tratto stradale per permettere di poter transitare senza dover incappare in buche e quant’altro.

Da qui a quindici giorni invece, si procederà all’intervento vero e proprio, ossia quello di creare il drenaggio delle acque, la vera causa del dissesto. Una volta fatto questo si procederà ad asfaltare a regola d’arte tutto il tratto interessato.

Finirà cosi l’odissea di questa arteria provinciale o si presenterà in futuro lo stesso problema? I tecnici dicono che con i lavori di drenaggio il tutto si risolverà.

Ci si augura che abbiano ragione.

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 della Scala Richter è stata registrata alle 19:58 di oggi nel Golfo di Patti.

Il sisma è avvenuto ad una profondità di 4,8 km.

L'evento, secondo quanto si è appreso dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania, non ha provocato danni a persone o cose.

Comuni a meno di 10 km dal centro del sisma: Falcone, Gioiosa Marea, Librizzi, Lipari, Montagnareale, Oliveri, Patti, Piraino.

A seguito dell’invio delle bollette conguaglio da parte dell’ATO2 recapitate in questi giorni agli utenti, il legale dell’Associazione Consumatori Siciliani, avv. Mariella Sciammetta ha presentato l’istanza di prelievo per la discussione del ricorso al TAR presentato nel 2005.

Il ricorso evidenzia l’illegittimità delle bollette TIA emesse dell’ATO Me2 e tutta una serie di violazioni di legge riscontrate peraltro nelle migliaia di sentenze emesse dalla Commissione Tributaria di Messina che hanno fatto una corretta ed ineccepibile interpretazione del quadro normativo di riferimento in materia di TIA.

L’Associazione Consumatori ha chiesto, dunque, al TAR di Catania di annullare tutti gli atti deliberativi con cui sono state approvate le tariffe della TIA sulla cui scorta l’ATO ME2 continua ad emettere le fatture di pagamento, alla luce dei principi espressi dallo stesso TAR in altri ricorsi aventi ad oggetto la stessa problematica, delle sezioni Tributarie della Sicilia e, da ultimo, per tutti i comuni aderenti all’ATO nella sentenza del CGA i cui principi sono validi per tutti quegli ATO, come l’ATO Me2, dove la TIA non è stata approvata dai Consigli Comunali.

Se il TAR accoglierà la richiesta dell’Associazione non vi è dubbio che si arriverà alla paralisi totale dell’ATO Me 2 così com’è successo ad Enna dove l’intero CDA si è dimesso.

L’associazione inoltre evidenzia che le difficoltà economiche in cui si trova l’ATO ME2 dipendono dal fatto che la società d’ambito non ha voluto mai fare un passo indietro, come ragioni di buona amministrazione e l’obbligo di dare esecuzione alle sentenze dall’autorità giudiziaria avrebbero imposto, correggendo gli errori e non conformandosi alle migliaia di sentenze emesse dalla Commissione Tributaria di Messina.

Nonostante la giurisprudenza costante, infatti, l’ATO Me2 ha assunto un atteggiamento di arroganza vessando i cittadini, che in tali casi giustamente hanno reagito chiedendo anche un congruo risarcimento del danno.

Siamo, dunque, di fronte ad un atteggiamento irresponsabile dell’ATO Me2 che arreca danno alla società stessa e, quindi, ai cittadini che risiedono nei Comuni che ne fanno parte, improntato a sopraffazione del diritto, per cui deve assolutamente fare il mea culpa invece di addossare le colpe agli altri.

Le stesse bollette di conguaglio relative al 2005 e al 2006 sono state approvate dal CDA dell’ATO non dai Comuni a dimostrazione di una perseveranza diabolica ad emanare atti illegittimi.

Le difficoltà economiche dell’ATO ME2 potevano essere in gran parte evitate se il CDA avesse accolto la proposta del Presidente dell’Associazione Nicola Calabria di far pagare la vecchia tassa comunale ancora in vigore, avanzata al Prefetto nell’aprile del 2008 alla presenza del presidente dell’ATO Me 2 Andrea Paratore, dei sindaci di Patti e di Brolo e ribadita da Nicola Calabria in tutti i consigli comunali aperti scaturiti dalla decisione prefettizia.

Tutte le proposte avanzate dall’Associazione Consumatori non sono state mai prese in considerazione, per cui oggi il CDA dell’ATO dovrebbe assumersi le proprie responsabilità e dimettersi in toto per aver fallito nella gestione del servizio e soprattutto alla luce di quanto le sentenze della Commissione tributaria stanno affermando e per l’incapacità a trovare soluzione adeguate e rispettose della legge.

Peraltro nonostante la Commissione nelle sue sentenze stabilisce che un quantum va pagato per il servizio reso, l’unica cosa che l’ATO Me2 ha saputo fare allo stato attuale è quello d’inviare bollette che la Commissione Tributaria di Messina annulla una dopo l’altra. Ma la colpa non è dei cittadini che non vogliono abbassare la testa, ma, piuttosto, di chi commette i soprusi e violazioni di legge a loro danno.

Comunicato Stampa

Il comando interregionale dei Carabinieri ''Culqualber'' di Messina, ieri mattina presso la caserma ''Bonsignore'', nel corso della cerimonia per il 195° Annuale della fondazione dell'Arma dei Carabinieri, ha conferito un encomio solenne alla Compagnia dei Carabineiri di Patti.

Un momento della cerimonia''Comando di compagnia distaccata, in occasione di vasti e concomitanti incendi che interessavano gran parte della giurisdizione e che provocavano la morte di sei persone, il ferimento di altre quattordici e la devastazione di 800 ettari di vegetazione e decine di manufatti, con sinergico impegno, spiccato senso del dovere, elevato spirito di sacrificio ed armoniosa collaborazione di tutti i suoi componenti, si impegnava alacremente nell’opera di soccorso alla popolazione, traendo in salvo numerosi nuclei familiari e scongiurando in tal modo piu’ gravi conseguenze''. Patti, Brolo, Ficarra, Gioiosa Marea, Librizzi, Raccuja, S.Angelo di Brolo, San Piero Patti, Sinagra, Piraino, Ucria (ME), 21-24 agosto 2007.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.