ImageSolo ai fini igienici sarà possibile utilizzare l'acqua del civico acquedotto per i prossimi giorni. E' stata accertata la presenza di coliformi totali e fecali in quattro punti di prelievo.

Pinocchio, il più noto dei menzogneri.Il signor Franco Lembo titolare di una nota auto officina di Patti, vittima di maldicenze, si è rivolto alla magistratura querelando coloro che divulgavano menzogne sulla sua persona.

ImageVi vogliamo raccontare la “disavventura” che ci è successa ieri pomeriggio.
Eravamo andati, per rispetto di coloro che ci avevano invitati, ad assistere per alcuni minuti alla presentazione del candidato del Pd al consiglio provinciale, Luigi Gullo, manifestazione che si svolgeva nella sala del comune di piazza Mario Sciacca. Dopo una decina di minuti di ascolto degli interventi in sala, decidevamo di allontanarci. Giunti sull’uscio del comune l’occhio ci cascava su un qualcosa che da subito ci provocava delle domande alle quali non riuscivamo a dare delle risposte certe. La maggior parte delle auto in sosta nella piazza, appartenenti a coloro che stavano assistendo alla riunione dentro al comune, erano prive del tagliando della sosta a pagamento. Probabilmente nella fretta per recarsi a sentire le ricette magiche per salvare la provincia di Messina, gli automobilisti avevano dimenticato di fare il biglietto.

Può pure capitare. Quello che però non riuscivamo a capire era il perché proprio oggi da quella piazza non passavano i parcheggiatori per verbalizzare i trasgressori.

Ci siamo allora spostati in piazza Marconi e qui abbiamo incontrato un addetto alla sosta a pagamento. Con la nostra solita nota cortesia, abbiamo allora chiesto come mai nella piazza Mario Sciacca le vetture non venivano controllate. Non riuscivamo ad avere un risposta, ed il parcheggiatore preferiva andarsene. A quel punto facevamo presente che della vicenda, a nostro avviso grave, avremmo informato immediatamente un consigliere comunale particolarmente attivo, per riferire poi dell’accaduto al primo cittadino, per i provvedimenti del caso. Purtroppo però, il cellulare dello stesso consigliere in quel momento risultava non raggiungibile. Qui si chiudeva la discussione con l’addetto ai parcheggi.

Dopo una decina di minuti, mentre noi discutevamo con delle persone, il parcheggiatore a bordo della propria autovettura si allontanava dalla piazza Marconi, imprecando a più non posso contro i sottoscritti. Sinceramente il motivo non lo si riesce a capire. Oltre che dire di fare il proprio lavoro, non abbiamo fatto. Per un addetto ai parcheggi a pagamento non è facoltativo fare i verbali, è un obbligo, non si può esimere dal farlo, di chiunque sia il mezzo “fuori regola”. Non farlo significherebbe arrecare un danno all’erario comunale ed accordare un insopportabile privilegio al “fortunato” di turno.

Dopo una decina di minuti ci siamo recati nuovamente in piazza Mario Sciacca e qui abbiamo notato che il suddetto controllore dei parcheggi a pagamento aveva fatto il proprio dovere, aveva elevato verbali a tutte le macchine prive di tagliando della sosta a pagamento, tra queste anche quelle di un’assessore comunale e di due consiglieri comunali. Dopo aver finito il proprio lavoro, l’incaricato del controllo della sosta negli stalli a pagamento, si allontanava dalla piazza a bordo della propria vettura, non prima però di essersi avvicinato ai sottoscritti riempendolo di imprecazioni, fatti per i quali comunque ci riserviamo di adire alle vie legali, e che hanno lasciato sbigottite le numerose persone presenti in quel momento in piazza, che avevano notato le numerose vetture prima senza biglietto della sosta e poi col verbale sul parabrezza.

Il motivo che ha portato quella persona a riempirci di insulti? Bo, non lo conosciamo. Oltre ad aver detto di fare il proprio lavoro non ci sono motivi che possano giustificare una tale reazione.

Purtroppo dobbiamo assistere e subire anche a questo.

Raccontiamo questo fatto non per chiedere solidarietà a nessuno, nè tantomeno ne vogliamo. L’unica cosa che chiediamo è che la classe politica pattese faccia adesso una riflessione seria sul futuro dei parcheggi a pagamento in questa città, soprattutto alla luce delle recenti sentenze.

Pretendere che tutti i cittadini siano eguali è forse troppo? Perché ogni pomeriggio i giovani di Patti devono essere costretti a cercarsi un posto auto altrove o a mettersi a girare con l’auto per la piazza Mario Sciacca pur di non farsi fare un verbale, e quando ci sono le auto di alcuni politici nessuno dice niente? Questi fatti dovrebbero invitare le persone ad una riflessione, seria.

Ma la cosa che più ci provoca indignazione sono le affermazioni di alcuni giovani oramai delusi dalla classe politica. Secondo questi ragazzi, quei verbali non li pagherà mai nessuno. Noi a questo non vogliamo crederci, non possiamo credere che coloro che ci rappresentano o intendono farlo pretendano tali privilegi, siamo anzi certi che in breve tempo coloro che hanno ricevuto la multa, giustamente, lo sottolineiamo, visto che non avevano il tagliando per la sosta, si recheranno a pagarla.

In ogni caso noi saremo qui a controllare, consolati dal fatto che chi di dovere in qualsiasi momento potrebbe verificare se le multe siano state pagate o meno.

L’arroganza non paga, ed il rispetto delle regole vale per i cittadini come per i politici, di ieri, di oggi e di domani, almeno così è in un paese civile.

Domenico Pantaleo

ImageIn dettaglio la spiegazione su come verranno attribuiti i seggi per l’elezione del consiglio della Provincia Regionale di Messina.

ImageCambio al vertice del Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber”  di Messina tra il Generale di Corpo D’Armata Giuseppe Barraco, ed il Generale di Divisione Arturo Esposito.

Image12 Giugno 1988; 20 anni fa come oggi la città di Patti, e l’intera diocesi di Patti, era in festa per la visita del Santo Padre Giovanni Paolo II al santuario della Madonna del Tindari.

ImageIl settimanale dei Paolini critica il “timoniere” del Pd, e adombra la possibilità che una parte dei parlamentari eletti targati Margherita possano abbandonarlo.

ImageSi è concluso con un bilancio più che positivo l’evento-fiera antipizzo, “Patti per il consumo critico antipizzo”, organizzato dall’Aciap in collaborazione con la Fai.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.