ImageSi è aggravato il bilancio del grave incidente stradale verificatosi ieri  sul viadotto Montagnareale. Questa mattina al Policlinico di Messina, è morto Dilip Pizzi, 29 anni.

Il luogo dove sono precipitati i mezzi visto da CatapanelloSi è aggravato il bilancio del grave incidente stradale verificatosi ieri sera sul viadotto Montagnareale dell’autostrada A20 Messina-Palermo, direzione Messina.

Questa notte intorno alle 3 al reparto di rianimazione del Policlinico di Messina, è morto Dilip Pizzi, 29 anni, nato a Calcutta in India e residente a Messina. Il giovane si trovava a bordo di una Ford Fiesta insieme a O. A. di 30 anni, di Pace del Mela, le cui condizioni sono definite critiche dai medici. Non gravi sono giudicate le condizioni di altri sette feriti.

L'auto su cui si trovava PizziI due, secondo la ricostruzione della Polizia Stradale e le testimonianze di alcuni cittadini che passavano lungo la via Di Vittorio ed hanno assistito all’incidente, sono rimasti in bilico sul viadotto prima di essere spinti giù da un'altra auto coinvolta nel maxi tamponamento che ha interessato una trentina di auto. Ieri era morto sul colpo il camionista Nicola Calitri, originario di Aderenza in provincia di Potenza. L’uomo stava facendo rientro a casa dopo aver scaricato sportelli d’auto agli stabilimenti Fiat di Termini Imerese in provincia di Palermo.

L'auto su cui si trovava Pizzi vista dall'altoA causare l'incidente è stata una grossa quantità di sansa (scarti della lavorazione delle olive) persa da un tir diretto in Calabria e che ha invaso la carreggiata, rendendola scivolosa. Il mezzo si è accorto che perdeva il carico una volta giunto nei pressi della stazione di Servizio di Tindari Sud.

L'autostrada, tra gli svincoli di Brolo e Patti è ancora chiusa al traffico per la rimozione di detriti e del solvente adoperato per ripulire l'asfalto.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.