ImageENNA - Il padre 36enne prima l'ha scaraventata a terra e poi ha cercato di strangolarla. Arrestato dalla Polizia, è stato trasferito all'Ospedale Psichiatrico Giudiziario. Dimessa dall'ospedale, la bimba è stata affidata alle cure della madre.

ENNA - Visioni mistiche gli avevano ordinato di sconfiggere il male incarnato nella figlia di 6 mesi

Così A. F., il padre 36enne della piccola, ha tentato di ucciderla, prima scaraventandola a terra e poi cercando di strangolarla. Adesso è stato arrestato dalla ImagePolizia di Nicosia (Enna) e trasferito all'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). La bimba, invece, dimessa dall'ospedale - dove i medici le hanno riscontrato tumefazioni alla regione occipitale destra e a quella temporale sinistra - è stata affidata alle cure della madre.

Le indagini della Polizia sono scattate a seguito di un intervento effettuato lo scorso 19 novembre per una lite familiare. Giunti sul posto, gli agenti si sono trovati davanti l'uomo in evidente stato confusionale e in preda a deliri mistici. Ai poliziotti A.F. ha appunto raccontato di "aver avuto varie illuminazioni celesti che gli ordinavano che doveva vincere il male, individuato nella figlia, che lui era Dio e che nel Commissariato di Polizia si annidava la luce per vincere il male".

Nella sua abitazione gli inquirenti hanno trovato materiale cartaceo e riferimenti ad allucinazioni mistiche che fanno intravvedere una percezione distorta della realtà, dominata dall'ansia di prender parte allo scontro tra le forze del bene e le forze del male. E' proprio in preda ai suoi deliri che l'uomo, lo scorso 19 novembre, intorno alle 5.30 del mattino si è avvicinato alla culla della figlioletta, l'ha afferrata e, dopo averla lanciata in aria, l'ha lasciata ricadere al suolo, tentando poi di strapparla dalle mani della madre, sopraggiunta nel frattempo, per strangolarla.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.