La manifestazione si è svolta per le vie del centro storico e si è conclusa nella piazza Marconi. 

Si è svolta ieri sera la prima edizione del Corteo Normanno in onore della Regina Adelasia, le cui spoglie mortali si trovano all'interno di un sarcofago marmoreo custodito all'interno della Basilica Cattedrale di Patti. 

Il corteo si è snodato dalla palestra della scuola elementare di piazza XXV Aprile sino a piazza Scaffidi, dinanzi al Palazzo delle Aquile, dove i vari personaggi in abiti d'epoca hanno eseguito canti provenzali. Da qui il corteo ha poi raggiunto la Basilica Cattedrale dove è stato eseguito un inno alla Madonna e i giullari di corte, gli sbandieratori ed i musici hanno intrattenuto i presenti con le loro manifestazioni. Infine il corteo ha sfilato per le vie del quartiere Cattedrale per raggiungere, attraverso la via XX Settembre, la centralissima via Trieste, piazza Mario Sciacca, Largo dei Normanni, e piazza Marconi. 

Lungo il corteo sono state simbolicamente consegnate al sindaco Mauro Aquino le chiavi della Città di Patti.

Una manifestazione particolarmente gradita dai tanti turisti presenti e da quei pochi pattesi che vi hanno assistito. Ci auguriamo che possa essere davvero la prima di una lunga serie di appuntamenti per ricordare e approfondire la figura della regina Adelasia del Vasto, che riposa all'interno della nostra chiesa Cattedrale. 

Un plauso va al "Comitato pro Regina Adelasia" e all'associazione culturale "Artisti x caso", che hanno ideato e lavorato per la riuscita del corteo, e alle associazioni "La Fenice" di Patti, "Millennium" di San Piero Patti, "Rievocazioni Storiche Religiose" di Montalbano Elicona, La "Corte d'Aragona" di Belpasso, e "Secoli bui" di Randazzo per aver reso possibile la manifestazione grazie alla loro presenza. La manifestazione è stata patrocinata dal Comune di Patti e dal Servizio Turistico di Messina.

Di seguito nella galleria immagini una fotocronaca del corteo.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.