La compagnia teatrale “Il Sipario” di Patti, si appresta ad iniziare una nuova tournèe che la vedrà impegnata in diverse piazze della provincia di Messina. Primo appuntamento, domenica 8 agosto alle ore 21 a Longi. Ritornano in scena, dunque, i protagonisti di eccellenti commedie realizzate in passato e che questa volta si cimentano in un lavoro dialettale e brillante, in tre atti, di Eduardo Scarpetta, dal titolo: “Il Tuono di Marzo” 

Il personaggio chiave della commedia è Turiddu (PietroAbramo), un infingardo "monnezzaro" che ha salvato Don Felice Sciosciammocca (Salvatore Pizzuto) dall'auto che lo stava investendo e che questi per riconoscenza ha preso con sé come domestico.
Intanto Sofia Borzillo, (Rina Maccora) confessa al fratello Don Saverio (Pippo Gaglio) di essere stata vittima di un fatale avvenimento. Nel marzo di molti anni prima, quando Sofia aveva accompagnato il fratello medico a Roma per un convegno, durante la notte, scoppia un pauroso temporale. Sofia sconvolta e in preda al panico per la paura dei tuoni, esce dalla sua camera d'albergo per trovare rifugio in quella del fratello, ma per sbaglio entra nella camera di uno sconosciuto. L'ignoto individuo approfitta della situazione e Sofia, svenuta sul letto, si risveglia il mattino dopo sola e senza alcuna notizia dell'uomo. Scoprirà in seguito di essere madre. Da quell'agitato incontro nascerà infatti don Felice, figlio naturale e segreto di Sofia. Sofia ha fatto di tutto per identificare l'uomo che proditoriamente l'aveva oltraggiata, incaricando persino un investigatore privato, il cavaliere Teodoro Scurzetta, (Claudio Pocorobba) che però non aveva scoperto nulla. La confessione della donna avviene proprio in casa del figlio don Felice, che ignora ogni cosa. Poco dopo, Turiddu, appena cacciato di casa da don Felice a seguito dell'ennesima malefatta, accetta di spacciarsi, dietro compenso, come padre di una certa Giulietta Spinasanta, (Valeria Proto), fidanzata di Mimì (Franco Santospirito),ma quando, per caso, ascolta la confessione di don Felice e del suo essere orfano, senza scrupoli e per vendicarsi d'essere stato cacciato di casa, si dichiara a lui come padre.
Ed è qui che la commedia diviene una vera e propria catena di equivoci, che sembra concludersi con il matrimonio tra Sofia e Turiddu. A questo punto però l'investigatore Scurzetta presenta, come il vero padre di Felice, un certo Alfonso Trocoli (Giuseppe Pellicano’). Nella scena finale,l'imbroglione Turiddu viene smascherato, don Alfonso riconoscerà Felice come suo figlio e decidono di sposarsi. Ecco però il colpo di scena……???
 
Tra gli altri interpreti, Carmelina Segreto e Serena De Luca nelle parti delle cameriere, e Alessandra Rinaldo nella parte della fidanzata di Felice.
 
La regia è stata, ancora una volta, magistralmente curata da Peppino Bisagni. Rammentatrice, Cinzia Bonsignore. Ad effetto le musiche scelte da Carmelo Milone.Particolarmente suggestive le scenografie di Francesco Campochiaro. Audio e luci affidati a Massimiliano Gagliano. Trucco e parrucco, Salpi. Direttore di scena,Jimmi Spanò.
 
 

Dopo quasi 30 anni è stato riaperto ieri il complesso storico-monumentale di San Francesco, collocato tra piazza Municipio ed il quartiere San Michele.

A tagliare il nastro è stato il sindaco Giuseppe Venuto, con affianco il direttore artistico di Arte a Tindari, Massimo Piparo, il responsabile dell'Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Patti, don Basilio Scalisi, ed il senatore Ciccio Cimino, al quale va il merito della riapertura della struttura. Il progetto di restauro del complesso San Francesco, infatti, risale al periodo in cui presidente del Consorzio Tindari Nebrodi, che ha portato avanti la pratica, era proprio il senatore Cimino. Lo stesso sindaco nel corso del suo intervento iniziale ha voluto dare atto che i meriti della riapertura della struttura sono da ascrivere al Senatore Cimino, e per questo, con onestà intellettuale, ma spiazzando i più, lo ha ringraziato pubblicamente.

Alla cerimonia erano presenti, inoltre, oltre alla Giunta comunale al completo e ad alcuni consiglieri comunali di Maggioranza e Opposizione, autorità militari, uomini del mondo della cultura e cittadini amanti della città che non hanno voluto perdere l'occasione di visitare dopo quasi 30 anni di chiusura un bene architettonico e storico così importante.

Dopo gli interventi iniziali è stata inaugurata la mostra di pannelli in ceramica, organizzata in collaborazione con il Lions Club di Patti, pensati e ideati da Mario Lunetta e disegnati dalla pittrice Livia Pertile.

La serata si è conclusa con un concerto della banda musicale ''S. Grillo'' città di Patti, con la partecipazione di Gaetano Triscari, giovane baritono pattese.

 

 

Nei locali dell'assessorato regionale al Turismo di Patti sono state presentate ieri mattina le pubblicazioni realizzate dal Dipartimento Turismo di Patti e Tindari. Si tratta del fascicolo ''Il Teatro Greco Romano di Tindari'' e della ''Carta della città e delle aree archeologiche''.

Alla presentazione alla Stampa delle due pubblicazioni erano presenti l'avv. Filippo Nasca, dirigente del Servizio Turistico di Patti e Tindari, la prof. Giuseppina Pisani Sartorio, archeologa, già dirigente della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Roma, e l'arch. Cristina Sidoti, studiosa di archeologia, che ha fornito consulenza scientifica per l'edizione della pubblicazione riguardante la ''carta della città e delle aree archeologiche''.

Sartori, Nasca, Sidoti.Chiunque volesse ritirare una copia delle pubblicazioni può farlo, gratuitamente, presso gli uffici del Servizio Turistico di Patti e Tindari , in piazza Marconi, o nella sede periferica di via Teatro Greco a Tindari.

 

 

 

 

Nell'ambito della settimana nazionale della Sclerosi Multipla e in occasione della 2^ Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, la sezione AISM di Messina organizza per oggi, alle ore 16 presso la sala convegni del comune in piazza Mario Sciacca, un Convegno dal titolo ''SM: Attualità e nuove prospettive'' per informare sullo stato dell'arte della malattia, per presentare le nuove proposte terapeutiche e l'aggiornamento sulla ricerca scientifica, l'unica arma per vincere la Sclerosi Multipla.

 

 

In occasione della XII^ Settimana della Cultura, la Soprintendenza dei Beni Culturali ed Ambientali di Messina organizza: Patti: ''Il Castello - L'Abbazia - La Cattedrale''. Visita guidata dalle ore 10:30 alle 13 di oggi, mercoledì 21 Aprile.

 

 

 

 

 

Si è svolto ieri presso l'aula Magna dell'Istituto Tecnico ''Ferdinando Borghese'' un incontro sul tema della sicurezza stradale, organizzato dalla scuola e dal distretto Leo Club di Capi d'Orlando, in collaborazione con la Polizia Stradale di Sant'Agata Militello e con il patrocinio del Ministero dei Trasporti.

All'incontro, oltre agli alunni dell'Istituto, hanno preso parte la professoressa Graziella Gullotti Scalisi, Dirigente Scolastico dell'Istituto ''F. Borghese'', l'ispettore capo Massimiliano Fiasconaro, comandante della Polizia Stradale del distaccamento di Sant'Agata di Militello insieme al sovrintendente Filippo La Rosa. Ha coordinato i lavori Salvatore Sidoti, delegato TeSN - Distretto Leo 108Yb Sicilia.

Nel corso dell'incontro i poliziotti hanno evidenziato i principali rischi connessi all'uso di sostanze stupefacenti e di alcolici.

Tanti i ragazzi che si sono sottoposti all'alcol test. Il comandante Fiasconaro ha poi illustrato ai ragazzi le attività della Polstrada, facendo poi vedere da vicino le attrezzature in dotazione alle pattuglie della Polizia Stradale.

 

 

 

 

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.