Come sempre il Comune inizia i lavori e poi lascia aperti gli scavi creando pericolo per la pubblica incolumità. 

I consiglieri di opposizione Giovanni di Santo e Giacomo Prinzi, con un'interrogazione a risposta scritta chiedono al sindaco Aquino di sapere il perché "siano passati così tanti mesi per la riparazione del tratto di rete fognante nella Via Manzoni di Scala di Patti e sul perché non sia stato possibile reperire le risorse necessarie al fine di procedere alla sostituzione del tratto medesimo ormai vetusto".

Oltre otto mesi fa gli operai del Comune avevano provveduto a riparare una perdita dalla condotta fognaria, non prima però di aver ridotto a colabrodo un tratto della strada provinciale 108 che collega la frazione Scala a Locanda di Tindari. Come accade con sempre maggiore frequenza la riparazione è durata poco, e la fogna ha iniziato nuovamente ad ammorbare l'aria e a invadere i terreni vicini creando quindi problemi igienico-sanitari non indifferenti. 

A metà del mese scorso il consigliere Di Santo aveva inviato una diffida ad intervenire con urgenza al primo cittadino, ma nessuna risposta è arrivata, ne tantomeno sono stati effettuati interventi. Adesso Di Santo e Prinzi hanno chiesto, per iscritto, al sindaco di conoscere gli ostacoli che sino ad oggi hanno impedito al Comune di Patti di intervenire per risolvere il grave problema igienico-sanitario ed eliminare il pericolo per la pubblica incolumità rappresentato da quegli scavi lasciati aperti. I consiglieri chiedono inoltre che gli interventi risolutori vengano effettuati in tempi brevissimi, e di conoscere i tempi e le modalità degli interventi. 

Ai due consiglieri ci permettiamo di consigliari di non perdere tempo ad aspettare una risposta scritta da parte del sindaco, non l'hanno mai ricevuto e sanno bene che, salvo "miracoli", non la riceveranno neppure questa volta; si rivolgano al prefetto per chiedere la rimozione del sindaco, che è anche autorità di pubblica sicurezza, per inadempienza degli obblighi impostigli dalla funzione, le motivazioni sono più che reali e serie. 

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.